ChemICare, nuova frontiera contro le malattie rare correlate al calcio

Bio4Dreams Startups

ChemiCare startup malattie rare correlate al calcio

La startup ChemICare vuole sviluppare nuovi farmaci per regolare i livelli dello ione calcio nelle malattie rare a esso correlate.

Il ruolo fondamentale dello ione calcio nell’organismo umano

Il calcio è uno ione fondamentale nell’organismo umano e ha un’importanza cruciale nella regolazione di numerosi processi cellulari.

Per questo la sua concentrazione all’interno delle cellule è regolata finemente da diversi meccanismi; uno tra questi è lo Store-operated calcium entry (SOCE).

Alterazioni a carico di questo meccanismo, e quindi della concentrazione del calcio, sono correlate all’insorgenza di svariate patologie, fra cui alcune malattie rare, attualmente ancora prive di cura.

Un rimedio agli squilibri di ione calcio (Ca2+)

Sono stati questi i presupposti che hanno fatto incontrare – nei laboratori dell’Università del Piemonte Orientale – due gruppi di ricerca, uno specializzato in sintesi di composti ottenibili con una chimica semplice (click chemistry) e l’altro in farmacologia e nello studio dei segnali di calcio e del suo ruolo all’interno delle cellule.

L’idea nata da questa collaborazione è stata così quella di sviluppare nuove molecole in grado bloccare le alterazioni a carico del SOCE nelle patologie a esso correlate, riportando il calcio a livelli fisiologici.

Contro le malattie rare correlate al calcio

Grazie al lavoro congiunto, il gruppo di ricercatori ha scoperto composti con proprietà uniche e con una grande potenzialità da un punto di vista traslazionale.

Tali composti sono stati brevettati e, contestualmente, è stata fondata la startup ChemICare, con la mission di sviluppare terapie farmacologiche per malattie rare correlate ad alterazioni del SOCE e dei livelli di calcio, come la pancreatite acuta, la miopatia da aggregati tubolari, la sindrome piastrinica di York e di Stormorken.

Lo stato dell’arte

(a ottobre 2020)

Attualmente ChemICare sta effettuando gli studi preclinici in condizioni di GLP (Good Laboratory Practices). Si tratta di una fase cruciale per garantire la sicurezza e la tollerabilità del proprio composto (lead compound) in differenti modelli animali.

La startup si sta anche interfacciando con una serie di aziende focalizzate sulla produzione del composto in condizioni di GMP (Good Manufacturing Practices) al fine di completare tutte le fasi di sviluppo preclinico e soddisfare tutti gli aspetti regolatori relativi allo studio e alla produzione di nuove molecole a uso terapeutico.

L’obiettivo di ChemICare sarà quello di completare gli studi preclinici al fine di poter riscuotere l’interesse da parte di aziende farmaceutiche per completare gli studi clinici e arrivare successivamente al mercato.

“Siamo la frontiera della terapia contro le malattie rare correlate al calcio, una speranza per quei pazienti ancora incurabili, che spesso restano invisibili”

Beatrice Riva, CEO ChemICare

Premio Gaetano Marzotto 2031

Durante la X edizione del Premio Gaetano Marzotto, di cui siamo partner, abbiamo scelto ChemICare per il “Premio dell’idea all’impresa” e offerto loro un percorso di mentorship nel nostro incubatore.

Scopri di più su ChemICare e le altre startup del nostro ecosistema.